Contatti

Contatti

Booking

Vertigo

Web – vertigo.co.it
Email – info@vertigo.co.it

Management

Paolo d’Alessandro

per Union Entertainment Group (International) BV
Email – caparezza@isolmusic.com


Live

Live

Prisoner 709 Tour

27/6

LUCCA

P.zza Napoleone

buy ticket

29/6

PADOVA

Stadio Euganeo

buy ticket

1/7

BAROLO

Collisioni Festival

buy ticket

3/7

MILANO

Ippodromo Snai

buy ticket

5/7

RIMINI

Park Ovest

buy ticket

7/7

UDINE

(PALMANOVA)
P.zza Grande

buy ticket

9/7

TORINO

(NICHELINO)
Palazzina di Caccia Stupinigi

buy ticket

13/7

VERONA

(VILLAFRANCA)
Castello Scaligero

buy ticket

14/7

REGGIO E.

LIME Space

buy ticket

16/7

ROMA

Rock in Roma

buy ticket

18/7

ARCO

Climbing Stadium

buy ticket

21/7

GENOVA

Goa Boa

buy ticket

28/7

FERMO

(SERVIGLIANO)
No Sound Fest

buy ticket

30/7

SALERNO

(CAVA DE' TIRRENI)
Cavasounds

buy ticket

2/8

VASTO

Stadio Aragona

buy ticket

4/8

SPOLETO

Stadio di Atletica

buy ticket

7/8

PALERMO

Castello a Mare

buy ticket

9/8

RAGUSA

P.zza Libertà

buy ticket

11/8

BISCEGLIE

Arena del Mare

buy ticket

13/8

LECCE

P.zza Libertini

buy ticket

17/8

FOLLONICA

Parco Centrale

buy ticket

19/8

BRESCIA

Onda d'Urto Festival

buy ticket

21/8

ALASSIO

Riviera Music Festival

buy ticket

25/8

CAGLIARI

Arena Grandi Eventi

buy ticket

28/8

RAVENNA

Area Pala De André

buy ticket

30/8

PRATO

Piazza Duomo

buy ticket

2/9

TREVISO

Home Festival

buy ticket


Biografia

Biografia

Se mi piacesse scrivere biografie avrei fatto questo nella vita..

Mi chiamo Michele Salvemini, sono figlio di un operaio e di una maestra. Il mio nonno paterno era falegname, quello materno era contadino. Io sono diventato cantante, non me ne vogliano. Sono nato nel 1973, precisamente il 9 Ottobre, come John Lennon con il quale ho in comune solo questa data e.. chissà.. forse lo stesso epilogo. Da piccolino mi iscrissi ad una scuola di musica per imparare a suonare il pianoforte. Dopo 3 mesi lasciai la scuola di musica col desiderio di abitare in una baita riscaldata da un camino alimentato dalla carcassa di un Bosendorfer gran coda. Decisi che la musica non faceva per me. Il giorno dopo iniziai a comporre i miei primi pezzi.
Dopo aver sfornato decine di demo che torneranno utili con la mia dipartita, magari arricchiti dagli interventi di questo o quell’altro rapper che presteranno la voce ai cd postumi, arrivò il momento della prima pubblicazione. Era il 1996, mi facevo chiamare Mikimix e pubblicavo dischi della stessa qualità degli ultimi dischi pubblicati dai cantanti di qualità. A quel tempo ero troppo ingenuo per sospettare che mi avrebbero cagato il cazzo un’intera vita con questa storia di Mikimix perciò decisi di continuare… E scusate se sputo nel piatto in cui non ho mangiato.
Dopo una serie di riflessioni emo, di momenti depressivi e di fallimenti amorosi, capìi che era arrivato il momento di seguire la strada dei miei avi: andare a lavorare. Era chiaro che la musica proprio non faceva per me. Il giorno dopo iniziai a comporre nuovi pezzi.  Mi crebbero i capelli, il pizzetto e altro.. Ero pronto a rivelare cazzutamente il mio pensiero sulle cose, senza compromessi. Nel 1998 inizia il mio percorso come Caparezza col demo “Ricomincio da Capa”. La musica è cambiata e inizio la trafila delle jam e dei concerti in pizzeria col vicinato che chiede di abbassare il volume durante l’esibizione (e non lo fa con garbo). Siamo nel 2011 e viene pubblicato il mio quinto album in studio (“Il sogno eretico”), ho all’attivo centinaia di concerti e mi sono comprato un pianoforte.. (l’inverno è stato particolarmente duro).

Che dire.. Per me la vita di un’artista è meno interessante della sua opera ma a corollario vi lascio comunque delle informazioni utili perché la sostanza va, la forma resta..


Disco di platino  3
Disco d’oro 2
Premi Premio Lunezia della critica, L’Altro premio, Premio Videoclip Italiano e svariati altri creati esclusivamente per avermi come ospite da qualche parte.Alcune date sociali Raccolta fondi per gli avvocati del G8 a Genova (Centro sociale “Terra di nessuno”), concerto sostegno alla comunità San Benedetto di don Gallo, incontri ed esibizioni nelle carceri di Volterra, di Milano (San Vittore) e di Bari (Fornelli, minorile),  collaborazioni con Emergency, Greenpeace, Legambiente e Medici senza frontiere, data autofinanziata a Molfetta per dare visibilità ad artisti emergenti e associazioni culturali (senza sponsor privati).